Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se scegli di proseguire nella navigazione, o chiudi questo banner, esprimi il consenso all'uso dei cookie.

BiblioScienza 2010

Posted in Belluno - BiblioScienza

Prima edizione della serie di conferenze divulgative organizzate in collaborazione con la Biblioteca Civica di Belluno. Di seguito il programma completo:

Venerdi 23 aprile ore 21:00

Da newton ad Einstein - la gravitazione - Dr. Fabiano Nart (GDS)

I buchi neri tra scienza e fantascienza - Dr. Alex Casanova (GDS)

Il Dott. Nart illustrerà come si è evoluto il pensiero scientifico sul moto dei pianeti. Prendendo origine da Tolomeo e Copernico, passando per Keplero, arrivando fino a Newton e concludendo con la massima espressione di Einstein. Un avvincente percorso tra visioni e interpretazioni della gravità.

Il Dott. Casanova parlerà di buchi neri: qual è la loro natura? Come definirli? Come osservarli? Verrà fornita una introduzione a questi misteriosi oggetti, a cavallo fra scienza e fantascienza, attraverso le osservazioni astronomiche le possibili osservazioni ai futuri colliders.


Venerdi 7 maggio ore 21:00

Nascita e morte di un lago - Dr. Manolo Piat (GDS)

Storia delle carte e dei profili geologici - Dr. Maurizio Alfieri (GDS)

Come nasce un lago? Come si evolve e come può morire? Di questo parlerà il Dott. Piat nel suo intervento,

illustrandone gli aspetti geologici e come le attività umane possano profondamente influenzare il decorso di questi importantissimi specchi d'acqua. Tanti gli esempi che saranno citati, a partire dal lago Ciad per finire con la storia del vicino lago di Alleghe: una storia che s'intreccia profondamente con quella della popolazione del luogo. A partire da una breve descrizione delle carte topografiche il Dott. Alfieri passerà a descrivere le carte tematiche ed in particolar modo le carte geologiche. Dalle loro prime copie realizzate in Inghilterra e Francia passando per quelle sviluppate per l'area Dolomitica in un crescendo di specifiche e particolarizzazioni. Nel contempo si considerano i profili geologici ed il loro sviluppo come mezzo alternativo e di sostegno alla comprensione di ciò che sta sotto i nostri piedi e che viene interpretato dagli studiosi di Scienze della Terra.


Venerdi 21 maggio ore 21:00

Terra tremante: sismicità antica e recente nel Bellunese – Dr.ssa Laura Peruzza (OGS Trieste)

La macchina del tempo: la straordinaria epopea del Telescopio Spaziale Hubble - Prof. Gabriele Vanin (AAF Rheticus)

La Dott.ssa Peruzza ci illustrerà le caratteristiche dei terremoti italiani, con particolare riferimento alla fascia montana e pedemontana veneta. I terremoti disastrosi, come ad esempio quello avvenuto in Friuli nel 1976, sono eventi che generalmente non si ripetono nell'arco della stessa generazione. È proprio la loro relativa scarsa frequenza che rende indispensabile un utilizzo cosciente e rispettoso del territorio.

Il Telescopio Spaziale Hubble è lo strumento più straordinario costruito dall'uomo per indagare i misteri dell'universo. Progettato già negli anni Settanta, doveva essere lanciato nel 1983, ma vari problemi ne causarono all'infinito il rinvio. Finalmente in orbita nel 1990, le prime immagini gettarono nello sconforto gli astronomi: l'ottica era irrimediabilmente rovinata da un grossolano errore di esecuzione. Per fortuna nel 1993 una incredibile missione di riparazione in orbita dotò il telescopio di ottiche correttive che ne resero le prestazioni addirittura superiori alle specifiche iniziali. Da allora, e anche grazie a tre altre missioni di assistenza e riparazione, Hubble ha continuato a regalarci incredibili immagini ed emozioni sullo spazio cosmico. In questa conferenza, oltre al racconto delle inaudite vicissitudini cui è andato incontro, si farà il punto anche sui maggiori risultati conseguiti in campo astronomico dallo strumento.


Venerdi 4 giugno ore 21:00

Presentazione del libro "Dolomiti di cristallo" del Prof. Danilo Giordano

Fragili, lucenti di luce riflessa, di colore mutevole con forme squadrate, acuminate, spigolose puntate verso il cielo, le Dolomiti sono veramente montagne di cristallo, portano il nome di un minerale e nemmeno nell'intimo del loro cuore tradiscono la propria natura cristallina. In questo libro ci si propone di entrare nell'anima profonda delle Dolomiti a scoprire i minerali racchiusi da tempo immemorabile in questi incantevoli scrigni naturali. Prima di incontrare queste meraviglie nascoste e poco note delle Dolomiti e opportuno attrezzarci adeguatamente con le conoscenze fondamentali, indispensabile bagaglio per affrontare il percorso. Il libro inizia con argomenti di mineralogia generale, spiegando cosa sono minerali e cristalli e cosa li rende così speciali e si conclude con una rassegna completa dei minerali dell'Agordino, un territorio dalla tradizione mineraria plurisecolare che si tramanda con la Scuola Mineraria e con il folto gruppo di collezionisti del GAMP.